[28/03/2007] Energia

In due mesi oltre mille richieste di contributi della Pmi per le rinnovabili

LIVORNO. Il 16 gennaio il ministero dell’ambiente ha emanato il bando per contributi in conto capitale rivolto alle piccole e medie imprese che vogliono dotarsi di energie rinnovabili. E a distanza di poco più di due mesi sono già ottimi i risultati. Ne ha dato contezza direttamente il ministro Alfonso Pecoraro Scanio spiegando che sono 1117 le richieste di contributo. Di cui: 887 per il fotovoltaico, pari al 79% delle domande ricevute; 115 per l’eolico, pari al 10% delle domande; 85 per il solare termico, pari all’8% delle domande; 30 per le biomasse, pari al 3% delle domande.

Il contributo totale richiesto ammonta a 81 milioni e 342.066 euro per un investimento complessivo di circa 215 milioni di euro. I progetti presentati prevedono una producibilità attesa complessiva pari a circa 55mila kWh/a che determinerebbe un riduzione di CO2 pari a 420.931 ton/anno corrispondenti alla quantità di CO2 catturata da circa 600mila alberi.

Per Pecoraro Scanio questa risposta significa che «si è sulla strada giusta, quella dell’autoproduzione. Un impegno concreto per realizzare la svolta di cui abbiamo bisogno». «Il nostro Paese – aggiunge - è pieno di burocrazia, ed è difficile fare innovazione, ma possiamo farcela». Il ministro conclude sottolineando che questi risultati ottenuti con questa grossa richiesta di impianti «Daranno lavoro a migliaia e migliaia di persone e soprattutto ai giovani».

Torna all'archivio