[02/03/2006] Energia

Una nuova fonte di energia? La «cacca» dei cani

SAN FRANCISCO (Stati Uniti). I residui lasciati dai cani su marciapiedi e strade possono diventare una fonte d´energia. E’ il progetto allo studio della città californiana di San Francisco (nella foto: uno scorcio del suo bellissimo centro), notoriamente all’avanguardia nel riciclaggio dei rifiuti. Lo riferisce Abc online. L’azienda di nettezza urbana «Norcal waste systems» è partita da un assunto molto semplice: nella città ci sono 120 mila cani ed il 4% dell’immondizia racconta nelle case proveniva proprio dai «migliori amici dell’uomo» e aveva come destinazione la discarica.

A parere dei «Woods end laboratories», negli Usa cani e gatti producono circa 10 milioni di tonnellate di rifiuti organici l’anno. Così la Norcal ha deciso di sperimentare in un parco della città un sistema di carrelli per la raccolta dei residui e di contenitori biodegradabili. Il compito più importante spetterà comunque ai proprietari dei cani a passeggio nel giardino pubblico, che magari, fra un’occhiata al tramonto mozzafiato sulla baia di Alcatraz ed uno sguardo sul «Golden gate», dovranno fare attenzione a utilizzare questi contenitori dove posizionare i «ricordini» dei loro animali. Raccolti gli escrementi, questi verranno messi in un dispositivo di fermentazione e compostaggio mirato alla produzione di biogas, cioè la miscela di metano e di altri gas combustibili che si sviluppa dalla fermentazione dei materiali organici. Il biogas poi sarà bruciato per produrre elettricità o riscaldamento.

Torna all'archivio