[17/08/2007] Urbanistica

Bioarchitettura, un premio per i progetti più sostenibili

LIVORNO. I temi della sostenibilità e compatibilità ambientale degli interventi di trasformazione territoriale a scala urbanistica ed edilizia cominciano ad essere oggetto di attenzione da parte di soggetti pubblici e privati che operano nel settore e questo orientamento deve trovare presenza e considerazione anche in ambiti urbani cheevidenziano sofferenza ambientale, sociale e tecnica.

Per questo l’istituto nazionale di bioarchitettura con il sostegno di Legacoop Parma, ha indetto la prima edizione del premio “L’ambiente e l’innovazione”, che vuole valorizzare istituzioni pubbliche e private, progettisti, imprese di costruzione, produttori di sistemi, componenti, materiali che pensano, progettano, realizzano in termini di ecosostenibilità e biocompatibilità, secondo l’approccio proprio della Bioarchitettura.

Fino al 16 novembre 2007 è quindi possibile partecipare al premio predisponendo la domanda di adesione reperibile sul sito www.bioarchitetturaparma.it ed inviarla, insieme agli elaborati del premio, secondo le modalità previste dal bando.

La partecipazione è quindi aperta a istituzioni pubbliche e private, Progettisti, sotto forma di liberi professionisti singoli o associati e di società di professionisti, Imprese di costruzione, Produttori di sistemi, componenti, materiali che abbiano sede o che operino in forma significativa e stabile nel territorio nazionale. Sono previsti 4 premi riconducibili alle seguenti categorie: L’Ente pubblico (area dell’Amministrazione, dell’istruzione e della ricerca), Il Progettista, L’Impresa di costruzione e Il Produttore.

Entro il 15 febbraio 2008 sarà stilata una graduatoria di merito, con la attribuzione di 1 premio e 3 menzioni per ciascuna delle categorie indicate.
A suggello dell’iniziativa è prevista la pubblicazione di un catalogo del Premio, che raccoglierà in forma estesa i lavori e gli autori premiati o menzionati, e una sintesi di tutte le opre partecipanti, oltre a contributi di studiosi ed esperti di architettura sostenibile.

Torna all'archivio