I fenicotteri stanno su una zampa sola per risparmiare energia

Su una gamba sola restano in piedi anche da morti, su due no

[24 maggio 2017]

Da secoli ci si chiede perché i fenicotteri ed altri uccelli riposino su una zampa sola, ora un team di ricercatori  del Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) e dell’Emory University di Atlanta potrbbero aver risolto il mistero: hanno dimostrato che i fenicotteri non fanno nessuno sforzo muscolare attivo quando sono su una sola zampa, quindi spendendo meno energia.

Nella caratteristica posizione con una gamba sola i fenicotteri utilizzano un meccanismo passivo che permette loro di restare in piedi anche se schiacciano un pisolino.

I ricercatori statunitensi si erano già chieste se la posizione su una gamba sola potesse contribuire a ridurre l’affaticamento muscolare, dato che i fenicotteri e altri uccelli alternano le due gambe per mantenersi in piedi. Altri studi ipotizzavano che questa postura aiutasse gli uccelli a regolare la temperatura corporea. Ma Young-Hui Chang (Georgia Tech) e Lena H Ting,(Emory University) alla fine hanno scoperto i segreti meccanici alla base di questo ”trucco”. La cosa più sorprendente è emersa dagli esperimenti fatti co fenicotteri morti: i cadaveri stanno in piedi su una gamba sola, senza alcun supporto esterno. I due ricercatori descrivono Essi descrivono questo fenomeno, come «passive gravitational stay mechanism».

Chang ha spiegato alla  BBC News:«”Se si guarda l’uccello dalla parte anteriore, mentre è in piedi su una gamba, il piede è direttamente sotto il corpo, il che significa che la gamba è angolata  verso l’interno. Questa è la posa che si deve avere in modo da impegnare lo stay mechanism».

La cosa ancora più sorprendente è che i fenicotteri morti non stanno in piedi su due gambe, probabilmente perché  in questa posizione il passive gravitational stay mechanism non funziona più.

Naturalmente i ricercatori hanno studiato anche fenicotteri vivi e hanno dimostrato che quando si riposano su una zampa sola praticamente non si muovono, a sottolineare la stabilità di questa posizione passiva. Tuttavia, gli uccelli ondeggiano un po’ quando la postura con una gamba sola si accompagnava a una qualche attività, come la pulizia delle penne o l’emissione di richiami.

Chang sottolinea che  l’apparato anatomica che consente la postura passiva non è stato ancora compreso e sarà il tema delle future ricerche del suo team, ma quel che è sicuro è che non comporta il blocco delle  articolazioni degli arti: «Un blocco implicherebbe che sono fissate in entrambe le direzioni. Quello che abbiamo scoperto è che sono fissate in una sola direzione, ma flessibili nella direzione opposta, per questo lo abbiamo chiamato “’stay’ invece che “lock”. E’ più simile a un ferma-porta».

Intervistato da BBC News, Matthew Anderson, uno psicologo sperimentale specializzato in comportamento animale della St Joseph’s university di Philadelphia, che non è stato coinvolto nell’ultimo studio,  ha definito i risultati del team di Chang e Ting «un significativo passo in avanti» e ha aggiunto: «Hanno cominciato a rispondere alla domanda su  come i fenicotteri sono in grado di riposare su una gamba. E’ importante sottolineare che questi autori non esaminano il. quando e il dove i fenicotteri in realtà utilizzano il comportamento in questione, e quindi questo lavoro in realtà non affronta la questione del perché i fenicotteri mentre si riposano stanno su una gamba sola “.

Insieme a Sarah Williams,  Anderson è l’autore dello studio “Why do flamingos stand on one leg?” pubblicato nel 2009 su Zoo Biology, secondo il quale gli uccelli che adottano questa postura inusuale lo fanno per conservare il calore e, tra le altre cose, il team di Anderson ha scoperto che quando aumentano le temperature cala il numero di fenicotteri che riposano su una gamba sola.

Anderson conclude: «La prova del meccanismo che sostiene/consente che il comportamento possa verificarsi non necessariamente fornisce la conoscenza sul perché avviene».