Vendita quote SAT, Wwf e Legambiente si oppongono: «Decisione contraria a interesse cittadini»

[21 maggio 2014]

Legambiente e WWF manifestano la loro ferma contrarietà alla vendita delle quote regionali SAT, così come recentemente deciso dalla Giunta Regionale e si appellano al Consiglio Regionale della Toscana affinché riconsideri questa decisione.  Le associazioni ambientaliste ritengono infatti:

1) che sia illogico alienare le quote pubbliche di una Società che è in attivo e che non sembra avere peraltro problemi particolari per il futuro.

2) che questa operazione danneggi il patrimonio pubblico senza alcuna valida giustificazione. In vista di una reale promozione degli interessi generali della Toscana, non ha infatti senso favorire l’ascesa di un unico imprenditore a socio di maggioranza della principale infrastruttura aeroportuale della Toscana.

3) che la Regione non debba abbandonare il suo ruolo di istituzione di garanzia per le due realtà aeroportuali toscane, uscendo completamente da una di esse.

4) che tutto questo zelo sia in realtà propedeutico alla pervicace volontà di costruire una pista parallela alla A11 a Firenze, con i gravissimi impatti sull’ambiente e sulla qualità della vita dei cittadini della Piana che ben conosciamo; e che pertanto quei fondi potrebbero essere assai più utilmente impiegati per rafforzare  e consolidare le sinergie e i collegamenti ferroviari con gli aeroporti di Pisa e Bologna.

Per questo non ci rimane che confidare nel Consiglio Regionale, perché riconsideri questa decisione. 

Legambiente e Wwf