Coperto il 14,1% dei consumi lordi nel 2012. Italia quinta per la crescita

Energie rinnovabili nell’Ue, il 2020 si avvicina: a che punto siamo?

Bulgaria, Estonia e Svezia hanno già raggiunto gli obiettivi

[10 marzo 2014]

Nell’Unione europea a 28, nel 2012 l’energia proveniente da fonti rinnovabili ha contribuito per il 14,1% del consumo finale lordo, contro l’8,3% del 2004, il primo anno per il quale sono disponibili questo tipo di dati. La quota delle energie rinnovabili nel consumo finale lordo di energia è uno degli indicatori chiave della strategia Europa 2020 che prevede di raggiungere il 20% di rinnovabili nei consumi finali (usi elettrici, termici e per il trasporto) entro il 2020.

Gli obiettivi dei singoli Stati membri tengono conto delle diverse condizioni di partenza così come del potenziale di energie rinnovabili e delle performances economiche di ogni Paese dell’Ue.

I dati pubblicati da Eurostat sottolineano lo sviluppo delle fonti di energie rinnovabili nel consumo energetico dell’UE28 e degli Stati membri. Il più forte aumento della quota di energie rinnovabili tra il 2004 e il  2012 è stato registrato in Svezia, Danimarca ed Austria.  Ma dal 2004 la quota di energie rinnovabili nel consumo finale lordo di energia è cresciuto in tutti gli Stati Ue con i migliori risultati in Svezia (dal 38,7% nel 2004 al 51,0% nel 2012), Danimarca (dal 14,5% al 26,0%), Austria (dal 22,7% al 32,1%), Grecia (dal 7,2% al 15,1%) ed Italia (dal 5,7% al 13,5%); l’obiettivo nazionale del nostro Paese per il 2020 è del 17%.

Le più alte percentuali di energie rinnovabili nel consumo finale di energia nel 2012 sono state registrate in Svezia (51%) Lettonia (35,8%), Finlandia (34,3%), Austria (32,1%), mentre in coda alla classifica c’è Malta a solo l’1,4%, preceduta da Lussemburgo (3,1%), Gran Bretagna (4,2%) e Olanda  (4,5%).

Nel 2011 l’Estonia era stata il primo Paese Ue a raggiungere il suo obiettivo nazionale per Europa 2020 e nel 2012 è stata raggiunta da Bulgaria (16%), Estonia (25%) e Svezia 849%) che hanno raggiunto o addirittura superato gli obiettivi che erano stati loro fissati.