Mobilità intelligente, anche per le merci: nasce il progetto Logistic city [VIDEO]

[15 ottobre 2013]

L’energia prodotta da fonti rinnovabili per alimentare mezzi elettrici, insieme alla tecnologia Ict, potranno rendere sostenibile il trasporto merci nelle città intelligenti.  Questo  in sintesi è quanto propone il progetto Logistic city, messo a punto dal Caab (Centro agro-alimentare di Bologna), dove è ubicato il più vasto impianto fotovoltaico su tetto d’Europa.

Il Progetto Logistic City nasce nel contesto del Piano strategico metropolitano di Bologna e si propone come una soluzione idonea alla Smart city, perché integra tecnologie e processi riguardanti la generazione di energia fotovoltaica, il suo immagazzinamento e utilizzo intelligente e la distribuzione delle merci tramite mezzi a trazione elettrica realizzati in modo da sfruttare in modo efficiente l’energia fotovoltaica. Il processo è coordinato tramite piattaforme Ict in grado di raccogliere le esigenze di mobilità di merci e persone e di individuare le migliori soluzioni per soddisfarle con modalità ottimali e al minimo impatto ambientale.

«Produrre energia da fonti sostenibili, integrare tale produzione nel contesto delle reti esistenti, favorire nuove forme di mobilità riducendo inquinamento e congestione sono le premesse di base per il rilancio dello sviluppo economico basato sul concetto di “Smart” – ha sottolineato  il presidente del Caab Andrea Segrè – In vista della riduzione del volume di traffico merci verrà messa in campo una Piattaforma Ict in grado di organizzare la distribuzione ottimale dal Caab ai punti di distribuzione finale o di consumo in Bologna e dintorni. La piattaforma è in grado di tener conto delle caratteristiche di autonomia dei veicoli elettrici e di prevedere eventuali operazioni di sostituzione batterie durante il percorso.  Punto chiave sarà lo sviluppo di soluzioni che consentano lo scambio rapido delle batterie dei veicoli elettrici (Swap&Go).

In tal modo le batterie possono essere ricaricate nei momenti di massima disponibilità di energia fotovoltaica e, contestualmente, il veicolo può essere utilizzato senza l’obbligo di lunghe soste per la ricarica». Il Progetto Logistic City del Caab, che prevede la collaborazione di Technovo, Ferst, Università di Bologna (partner tecnologici Mecaprom, Logital, Proteco e Unendo Energia), sarà presentato  (in anteprima per il pubblico della Smart City Exhibition) mercoledì 16 ottobre, dalle 14.30 alle 15,30 nel padiglione del comune di Bologna presso la Fiera Smart City. Il Progetto Logistic City, poggerà su infrastrutture strategiche presenti sul territorio quali le stazioni Fer e gli Hub naturali per la mobilità intermodale. Inoltre la definizione e certificazione di un modello economicamente efficiente, supportato da una architettura Ict/Tlc, potrà renderlo esportabile in altri contesti applicativi.

Tale architettura, hanno spiegato da Caab, consentirà inoltre l’interlavoro “Smart” di tutte le componenti sviluppate nel progetto: la piattaforma Ict e il Centro servizi per la distribuzione ottimale delle merci nell’ultimo miglio con mezzi elettrici; il sistema integrato comunicazione e localizzazione veicolo; i mezzi elettrici con sistemi di intercambiabilità delle batterie (Swap & Go); l’utilizzo delle infrastrutture delle Comunità Solari Locali per la diffusione delle stazioni di ricarica.

Videogallery

  • Fotovoltaico & City Logistic CAAB