Riscaldarsi con le rinnovabili, nuovi incentivi a Monterotondo Marittimo

[24 novembre 2015]

monterotondo marittimo

A Monterotondo Marittimo il teleriscaldamento geotermico è da tempo una realtà concreta e sostenibile, ma non è un’opzione che possa abbracciare l’intera comunità dei cittadini residenti nel territorio del Comune; non tutto il territorio «è servito dal teleriscaldamento, «e sarebbe improponibile a livello di costi – spiegò su queste pagine il sindaco, Giacomo Termine – estendere una rete capillare», anche se da un lato il servizio continuerà ad estendersi fin dove possibile e dall’altro l’amministrazione comunale ha già «dato incarico a Cosvig per trovare soluzioni alternative e sempre in tema di energie da fonti rinnovabili». Soluzioni trovano nuovo e pragmatico fondamento nel bando, appena pubblicato, diretto proprio a quegli immobili che non sono allacciati al teleriscaldamento geotermico e finalizzato ad incentivare l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili alternative.

Nello specifico, il bando (pubblicato sul sito  www.cosvig.it e su  www.comune.monterotondomarittimo.gr.it) prevede l’erogazione di contributi a parziale copertura delle spese sostenute  per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria, attraverso fonti energetiche rinnovabili. Il contributo massimo erogabile a soggetto è pari al 60% iva inclusa della spesa effettivamente sostenuta e dimostrata per i combustibili, mentre la spesa massima ammissibile relativa ai consumi per ogni stagione termica di riscaldamento non potrà superare i 1500 euro IVA inclusa.

«Con questa misura – ha dichiarato oggi Giacomo Termine, presentando il bando – il Comune si pone l’obiettivo di  incentivare sul territorio l’utilizzo di fonti rinnovabili, per ridurre l’inquinamento e salvaguardare l’ambiente. Il protocollo di Kyoto impone all’Italia di raggiungere puntuali obiettivi di abbattimento delle emissioni di gas ad effetto serra. Un percorso che necessariamente impone un impegno e un contributo diretto di tutti gli enti pubblici ma anche dei cittadini».

Le domande, sottoscritte dal residente proprietario o avente titolo dell’abitazione, potranno essere presentate dalla data di pubblicazione del bando fino all’1 settembre 2016, relativamente a:

–  spese sostenute dal periodo settembre 2014, fino alla data del 30 giugno 2015, presentando giustificativi di pagamento che presentino data compresa tra 1-09-2014 e  30- 06-2015

– alle spese sostenute dal periodo settembre 2015 fino alla data del 30-06-2015, presentando giustificativi di pagamento che presentino data compresa tra 1-09-2015 e 30-06-2016.