Dalla Bei 365 milioni per progetti Italgas e Snam Rete Gas

[24 ottobre 2013]

La Banca Europea per gli Investimenti (Bei) ha sottoscritto con Snam due prestiti da 300 e 65 milioni di euro per finanziare  due progetti di Italgas e Snam Rete Gas, le due società del Gruppo attive nella distribuzione cittadina e nel trasporto di gas sulla rete nazionale.

«I due finanziamenti – spiega la Bei – che si aggiungono a quello da 283 milioni erogato lo scorso agosto a fronte di un progetto Stogit relativo allo sviluppo del giacimento di stoccaggio di Bordolano, rientrano nella politica di ottimizzazione della struttura finanziaria del gruppo Snam, in quanto complementari ai prestiti obbligazionari e bancari e caratterizzati da durate più lunghe a costi competitivi, ottenibili con questa tipologia di funding».

Il 40% circa del piano investimenti di Italgas e oltre il 60% degli investimenti di Snam Rete Gas riguardano progetti nell’Italia meridionale che per questo rientrano nelle politiche di finanziamento della banca dell’Unione europea «Anche per gli aspetti di coesione e sviluppo delle aree meno favorite».

Gli investimenti Italgas riguardano soprattutto  progetti  da circa 620 milioni di Euro per rendere più efficiente e tecnologicamente avanzata la rete di distribuzione, «Attraverso la progressiva sostituzione di condotte e di contatori e la realizzazione di progetti relativi alla telelettura del gas e allo sviluppo di nuove reti».  La Bei precisa che «Per queste attività il finanziamento di 300 milioni di Euro sarà a tasso variabile e avrà una durata di 20 anni».

Per quanto riguarda Snam Rete Gas, gli investimenti per i quali Bei erogherà un finanziamento da 65 milioni (sempre a tasso variabile e per una durata di 19 anni) hanno un costo stimato di circa 170 milioni di euro e riguardano «Il completamento del metanodotto Zimella (Verona) – Cervignano d’Adda (Lodi), nella Pianura Padana, e la sostituzione di quattro turbine presso la centrale di compressione di Messina, attività che rivestono una significativa importanza nella realizzazione del potenziamento del sistema gas italiano in un’ottica di maggior interconnessione con le reti europee».

Il progetto di Stogit per il quale Bei ha accordato la scorsa estate un finanziamento da 283 milioni riguarda, invece, «Lo sviluppo del giacimento di stoccaggio di Bordolano (Cremona), incluso nel programma Ten-E/Trans European Network-Energy, che prevede finanziamenti nel campo dei network energetici trans-europei con l’obiettivo di aumentare la sicurezza degli approvvigionamenti e la diversificazione delle fonti».