Le loro forze politiche ora sono praticamente inconsistenti dal punto di vista dei lavori parlamentari

Sciolto il gruppo euroscettico Efdd: Grillo e Farage in cerca di nuovi partner

A metterli nei guai la "verde" lettone Iveta Grigule

[16 ottobre 2014]

Si è sciolto il gruppo Europe of Freedom and Direct Democracy  (Efdd – Europa della Libertà e della Democrazia diretta) del Parlamento europeo, quello che raggruppa i populisti antieuropei dell’United Kingdom Independence Party (Ukip), il Movimento 5 Stelle e piccole formazioni eurscettiche di altri  5 Paesi.

Monica Frassoni, co-presidente dei Verdi Europei, commenta dicendo che «l’Efdd non esiste più. M5S e Ukip sono per ora senza gruppo». Il fatto è stato confermato su Twitter da Jaume Duch, il portavoce del Parlamento europeo,  che ha sottolineato che l’uscita dal gruppo dell’eurodeputata lettone Iveta Grigule, eletta nelle fila del  Latvijas Zemnieku savienība (unione dei contadini della Lettonia), impedirebbe all’Edd di Nigel Farage e di Beppe Grillo di avere rappresentanti di almeno 7 Stati membri.  I Verdi potrebbero non essere estranei alla defezione, dato che la Grigule  precedentemente militava nel Latvijas Zaļā partija, il Partito verde lettone e che nel 2010 era stata eletta nel Saeima, il parlamento della Lettonia, dalla coalizione tra Verdi e Contadini.

Sarebbe quindi già disciolto a pochi mesi dalla sua tribolata nascita lo strano gruppo dell’Efdd, composto in gran parte da formazioni xenofobe, a cominciare dall’Uik, la cui costituzione divise anche la base del Movimento 5 Stelle, e sul  cui sito internet campeggia la notizia del referendum per uscire dall’Euro promosso da Beppe Grillo.

La defezione dell’eurodeputata lettone mette Grillo e Farange in un bel guaio: senza gruppo le forze politiche sono praticamente inconsistenti dal punto di vista dei lavori parlamentari, quindi la strana coppia o troverà altri alleati o dovrà dividersi per andare verso altri lidi. Qualche dietrologo ipotizza che il tentativo di Grillo di avvicinarsi alla Lega Nord fosse anche in previsione di quel che stava accadendo tra Bruxelles e la Lettonia.