Skip to main content


Come gli uomini hanno allevato e diffuso i cavalli nel mondo

Due addomesticamenti: Il primo circa 5.500 anni fa. Il cavallo domestico come lo conosciamo è emerso circa 4.200 anni fa dalla seconda domesticazione
 |  Natura e biodiversità

Le origini di tutti i cavalli domestici che popolano oggi il pianeta, siano campioni di trotto, pony club o giganteschi animali da tiro, risalirebbero al terzo millennio avanti Cristo nelle steppe dell’attuale Russia occidentale. Ma la cronologia esatta dell'addomesticamento dei cavalli e dell’integrazione dell’utilizzo della forza equina nelle società umane è stata ampiamente contestata.
Il nuovo studio “Widespread horse-based mobility arose around 2,200 BCE in Eurasia”, pubblicato su Nature da un team internazionale di 133 ricercatori di 113 istituzioni in tutto il mondo, riporta che «La proliferazione dei cavalli domestici iniziò alla fine del terzo millennio a.C., circa 4.200 anni fa. Questa data segna l’inizio di una nuova era nella storia umana, in cui i cavalli hanno notevolmente accelerato le reti di comunicazione e commercio in tutta l’Eurasia, catalizzando scambi e interazioni senza precedenti tra diverse culture».
Lo studio coordinato da Ludovic Orlando, direttore del Centre d’Anthropobiologie et de Génomique de Toulouse - CAGT, CNRS/Université Paul Sabatier e da Pablo Librado, già ricercatore del CNRS e attuale ricercatore principale dell'Institut de Biologia Evolutiva (IBE) del CSIC – Universitat Pompeu Fabra, BarcelonaIBE, ha raccolto una vasta collezione di resti archeologici di cavalli che provengono dall’intero continente eurasiatico. Gli scienziati hanno combinato la datazione al radiocarbonio con il sequenziamento del DNA antico per caratterizzare una serie temporale completa del genoma che fornisce una risoluzione dettagliata delle trasformazioni genetiche che hanno coinciso con l’emergere dell’equitazione.
Librado ricorda sul sito dell’IBE che «Ho iniziato a lavorare con i cavalli circa dieci anni fa. A quel tempo avevamo solo una manciata di genomi antichi. Ora grazie a questo lavoro ne abbiamo diverse centinaia. Era particolarmente importante ottenere la risoluzione nell'Europa centrale, nei bacini dei Carpazi e della Transilvania, poiché quest'area era centrale nei dibattiti in corso sull'equitazione che ha guidato le migrazioni di massa dalle steppe circa 5.000 anni fa, e forse anche prima».
Il team di ricerca ha esaminato i dati riguardanti 3 indicatori dell'allevamento dei cavalli. Pepe primo, i ricercatori ha rintracciato il momento in cui i progenitori dei moderni cavalli domestici iniziarono a diffondersi al di fuori del loro luogo di addomesticamento ancestrale. Poi hanno ricostruito la demografia dei cavalli per tutto il terzo millennio a.C. per datare con precisione i primi segnali di allevamento e produzione di cavalli su larga scala. Infine, hanno scoperto prove di cambiamenti significativi nella vita riproduttiva dei cavalli, indicando una manipolazione deliberata della riproduzione animale da parte dei primi allevatori.
L’allineamento di tutte e tre le prove relative a circa 4.200 anni fa suggerisce che «Solo allora i cavalli domestici furono prodotti in quantità sufficienti a sostenere una domanda crescente in tutto il continente. Pertanto, la mobilità basata sui cavalli come la riconosciamo è iniziata 4.200 anni fa e non prima».
E i cavalli sono rimasti la modalità di trasporto terrestre più veloce fino all'avvento dei motori meccanici nel XX secolo.
Tuttavia, la ricerca sul DNA antico aveva descritto cambiamenti precedenti nel panorama genetico degli europei, durante la prima metà del terzo millennio a.C., in seguito alla massiccia espansione dei popoli provenienti dalle steppe e spesso ritenuti parlanti una lingua proto-indoeuropea. Dato che la mappa genetica dei cavalli ha cominciato a cambiare molto più tardi, il team di ricerca è stato in grado di escludere che l’utilizzo dei cavalli sia stata la forza trainante dietro il successo di queste migrazioni umane, nonostante il fatto che la terminologia relativa ai cavalli costituisca una base comune nella maggior parte degli indo- Lingue europee.
Orlando sottolinea che «Una domanda che mi ha lasciato perplesso per anni ha a che fare con il livello della riproduzione: come un numero così consistente di cavalli possa essere stato improvvisamente allevato in un'area di addomesticamento relativamente piccola per soddisfare la domanda sempre più globale all'inizio del secondo millennio a.C. Gli allevatori hanno controllato così bene la riproduzione dell'animale che hanno ridotto l'intervallo di tempo tra due generazioni, accelerando il processo di riproduzione, raddoppiando di fatto il tasso di produzione».
La metodologia sviluppata dal team internazionale di scienziati per misurare i tempi di generazione è nuova e sfrutta tutto il potenziale delle serie temporali del genoma antico: «Man mano che i genomi si evolvono, accumulano mutazioni e si ricombinano in ogni generazione – spiegano all’IBE - Il numero di mutazioni che portano e le giunzioni del DNA che hanno attraversato forniscono una misura diretta della moltitudine di generazioni che li hanno guidati. Se combinato con le date al radiocarbonio, il numero di generazioni può essere convertito in anni solari».
Il team di ricerca ha scoperto che negli ultimi due secoli si sono accumulate più generazioni, in coincidenza con l’emergere di molti lignaggi moderni attraverso l’allevamento selettivo intensivo. Sorprendentemente, si è scoperto che l’orologio generazionale correva più velocemente circa 4.200 anni fa, proprio quando iniziò la produzione di massa e la diffusione geografica dei cavalli addomesticati.
Librado, che ha sviluppato il quadro statistico alla base dello studio, evidenzia che «La nostra metodologia per misurare i cambiamenti temporali nei tempi generazionali ha un grande potenziale. Fornisce al toolkit archeozoologico un nuovo modo per monitorare lo sviluppo dell’allevamento controllato in diverse specie domestiche oltre ai cavalli. Ma può anche aiutare a chiarire l’intervallo generazionale nei nostri antenati cacciatori-raccoglitori e come questi intervalli si siano evoluti insieme ai cambiamenti dello stile di vita o ai cambiamenti climatici significativi».
Restando ai cavalli, il team di ricerca ha anche riportato «Intervalli generazionali eccezionalmente brevi all’interno di un lignaggio diverso, differente da quello che guida i moderni cavalli domestici». Questo lignaggio, è stato trovato in reperti fossili scavati a Botai, un sito dell'Asia centrale dove sono state riportate e dibattute prove di mungitura, ornamenti e recinti di cavalli.
Secondo gli scienziati, «La scoperta di questi tempi di generazione ridotti dà credito a modelli che raffigurano gruppi umani stanziali che addomesticano il cavallo nella regione per garantire un accesso costante a risorse come carne e latte, che erano vitali per la loro sussistenza». Ma il popolo Botai non intraprese grandi migrazioni a lunga distanza con i suoi cavalli e la composizione genetica dei suoi cavalli rimase locale e non si diffuse in tutta l'Eurasia.
Orlando conclude: «Le nostre prove supportano due addomesticamenti nei cavalli. Il primo, avvenuto circa 5.500 anni fa, aveva lo scopo di affrontare il declino delle popolazioni di cavalli e fornire sostegno alle popolazioni che abitavano le steppe dell’Asia centrale. Il cavallo domestico come lo conosciamo è emerso circa 4.200 anni fa dalla seconda domesticazione. Questo ha davvero trasformato la storia umana fornendo per la prima volta una mobilità rapida».

Umberto Mazzantini

Scrive per greenreport.it, dove si occupa soprattutto di biodiversità e politica internazionale, e collabora con La Nuova Ecologia ed ElbaReport. Considerato uno dei maggiori esperti dell’ambiente dell’Arcipelago Toscano, è un punto di riferimento per i media per quanto riguarda la natura e le vicende delle isole toscane. E’ responsabile nazionale Isole Minori di Legambiente e responsabile Mare di Legambiente Toscana. Ex sommozzatore professionista ed ex boscaiolo, ha più volte ricoperto la carica di consigliere e componente della giunta esecutiva del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.