Skip to main content


DestinE il gemello digitale della Terra per l’adattamento ai cambiamenti climatici

Ecco Destination Earth, un’iniziativa della Commissione Ue in Finlandia
 |  Green economy

La Commissione europea ha attivato il sistema iniziale Destination Earth (DestinE), un'iniziativa faro pe che punta a sviluppare un accuratissimo gemello digitale accurato della Terra, e spiega che «La diffusione del sistema DestinE significa che i computer europei ad alte prestazioni (EuroHPC), compreso il supercomputer LUMI a Kajaani, in Finlandia, sono stati incaricati di simulare gli effetti dei cambiamenti climatici e degli eventi meteorologici estremi. Grazie a questa iniziativa, l'Europa sarà meglio preparata a rispondere alle gravi catastrofi naturali, ad adattarsi ai cambiamenti climatici e a valutare i potenziali impatti socioeconomici e politici di tali eventi».

Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva per Un’Europa pronta per l'era digitale della Commissione Ue ha detto: «Il lancio dell'iniziale Destination Earth (DestinE) rappresenta un vero e proprio fattore di svolta nella lotta contro i cambiamenti climatici. Destine ci fornirà un gemello della Terra molto accurato. Ciò significa che possiamo osservare le sfide ambientali che possono aiutarci a prevedere scenari futuri, come non abbiamo mai fatto in precedenza. Questa prima fase mostra quanto possiamo ottenere quando l'Europa riunisce la sua eccellenza scientifica e la sua enorme potenza di supercalcolo. Oggi il futuro è letteralmente a portata di mano».

DestinE sta utilizzando capacità di modellizzazione senza precedenti grazie ai computer EuroHPC e alla capacità di intelligenza artificiale. Inoltre, l'iniziativa è una componente fondamentale della strategia europea per i dati, consolidando l'accesso a preziose fonti di dati in tutta Europa. DestinE è ora operativa e dovrebbe evolvere costantemente, ampliando le operazioni e sviluppando ulteriori componenti. Entro il 2030 DestinE dovrebbe completare una copia digitale completa della Terra.

Le principali caratteristiche del sistema iniziale comprendono: DestinE Core Service Platform, che consente agli utenti di accedere ai suoi servizi, strumenti e applicazioni; Due gemelli digitali DestinE —Digital Twin on Climate Change Adaptation e  Weather-Induced Extremes Digital Twin, he forniscono dati ad alta risoluzione a sostegno dell'analisi e della sperimentazione di scenari; DestinE Data Lake che fornisce un accesso senza soluzione di continuità ai dati DestinE Digital Twins e a un gran numero di altre fonti di dati, tra cui Copernicus, la componente dell'Ue per l'osservazione della Terra del programma spaziale dell'Ue.

DestinE è stato avviato ufficialmente nel 2022 dalla Commissione europea, in collaborazione con l’European Centre for Medium-Range Weather Forecasts (ECMWF), the European Space Agency (ESA) e l’European Organisation for the Exploitation of Meteorological Satellites (EUMETSAT).

I finanziamenti attualmente concordati attraverso il programma  Digital Europe ammontano a oltre 315 milioni di euro e il nuovo lancio segna la fine della prima fase e l'inizio della seconda fase, entrambe finanziate con oltre 150 milioni di euro ciascuna. La terza fase e il relativo finanziamento sono subordinati all'accordo del programma definitivo Digital Europe 2025-2027, attualmente in fase di elaborazione. Ulteriori finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo di ulteriori digital twin capability  sono stati assegnati tramite Horizon Europe.

Umberto Mazzantini

Scrive per greenreport.it, dove si occupa soprattutto di biodiversità e politica internazionale, e collabora con La Nuova Ecologia ed ElbaReport. Considerato uno dei maggiori esperti dell’ambiente dell’Arcipelago Toscano, è un punto di riferimento per i media per quanto riguarda la natura e le vicende delle isole toscane. E’ responsabile nazionale Isole Minori di Legambiente e responsabile Mare di Legambiente Toscana. Ex sommozzatore professionista ed ex boscaiolo, ha più volte ricoperto la carica di consigliere e componente della giunta esecutiva del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.